Hotel Piazza Bellini

Napoli Segreta

L’OSPEDALE DELLE BAMBOLE

Sembra di tornare bambini quando si varca la soglia dell’Ospedale delle Bambole. Era il 1899 quando Luigino, scenografo del Teatro San Carlo di Napoli, iniziò a “curare” e riparare bambole di pezza nell’antica bottega di Via San Biagio dei Librai, 81. Oggi il figlio e la bisnipote Tiziana, proseguono questa tradizione straordinaria, riparando bambole di ogni sorta che appassionati e collezionisti portano qui da tutto il mondo. Non solo si riparano teste, si ridanno occhi e capelli, ma si ricuciono anche abiti su misura nello stile del malato, per ridonarlo al proprietario più bello che mai, com’era una volta. (Via san Biagio dei Librai, 81 –Tel. 081 203067)

FARMACIA DEGLI INCURABILI

Riaperta al pubblico nel 2012 dopo un lungo restauro, questa storica Farmacia fu inaugurata nel 1700 accanto all’Ospedale degli Incurabili, sorto a causa dell’epidemia di peste che infestava in città nel 1500. La farmacia, formata da una sala di rappresentanza e da un laboratorio, oggi è tornata visibile proprio come era allora, con gli splendidi arredi di radica di noce, le boccette e i vasi policromi in ceramica originale, gli armadietti scolpiti dall’ebanista Agostino Fucito. Sul soffitto, il grande quadro di Pietro Bardellino dal titolo Macaone che cura un guerriero ferito. Annesso alla farmacia, anche un museo dedicato alla storia della medicina a Napoli. (A fianco dell’Ospedale degli Incurabili - Via Longo M., 50)

Museo del Tesoro di San Gennaro

Sette secoli di donazioni hanno reso il Museo del Tesoro di San Gennaro una delle raccolte più ricche e particolari al mondo. Oggetti preziosi, antichi documenti, argenti, gioielli e dipinti venivano regalati da uomini illustri, papi e sovrani per devozione al Santo, andando a costituire una enorme collezione oggi esposta al pubblico. Tra gli oggetti in mostra, il famoso reliquiario per il sangue del Santo che fu donato da Carlo d’Angiò. Un viaggio attraverso la storia di Napoli accompagnato da canti e itinerari sonori che rendono l’esperienza davvero suggestiva. (Via Duomo, 149 – Tel. 081 294980)

TEATRO ROMANO di neapolis

Immaginate di scavare nella vostra cantina e scovare niente meno che i resti di un antichissimo teatro romano. È quello che è successo a una signora di Napoli, che volendo allargare la cantina ha aperto un varco in un Teatro (detto Di Neapolis o Dell’Anticaglia) posto su uno dei Decumani della città e risalente al I secolo a.C. Poco più in là, un vecchio artigiano scoprì che la botola che nascondeva sotto il letto per tenere in fresco il vino, era l’unico accesso per la cavea, il corridoio sotto scena per gli attori che dovevano cambiarsi. Il teatro, circondato da abitazioni, è stato oggi recuperato e aperto al pubblico. (Via Anticaglia)

CIMITERO DELLE FONTANELLE

In assoluto uno dei luoghi di Napoli più affascinanti e inquietanti allo stesso tempo, il Cimitero delle Fontanelle ospita ancora oggi i resti visibili di oltre 40.000 anime morte durante la famosa epidemia di peste che investì la città nel Seicento e quella di colera dell’Ottocento. Qui per anni è avvenuto lo stravagante rito della cosiddetta “adozione” e sistemazione di un teschio (“capuzzella”) appartenente a ignoti, quindi abbandonato (“pezzentella”), per riceverne in cambio protezione.  (Via Fontanelle, 154 )

PURGATORIO AD ARCO

Legato al Cimitero delle Fontanelle è il Complesso Museale Di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco, una realtà assolutamente unica al mondo, interamente dedicata alle anime sperdute in Purgatorio in cerca di refrigerio dalle pene dell’aldilà. Difatti Purgatorio ad Arco è chiamato anche la “Chiesa delle teste di morto”. Un luogo ricco di arte barocca ma anche di leggende, come quelle legate al “teschio che suda di donna Concetta”, un teschio che, a differenza di tutti gli altri, non è mai ricoperto di polvere, ma appare sempre lucido e pulito, a causa, si dice, del sudore che ricopre l’anima nel Purgatorio. (Via Tribunali, 39 )

Angoli nascosti, musei inusuali e strade fuori dalle rotte commerciali, si affiancano ai grandi monumenti, facendo di Napoli una continua scoperta per il viaggiatore. A noi dell’Hotel Piazza Bellini non piace trattarvi da turisti, noi preferiamo svelarvi questa Napoli, la “nostra” Napoli. Darvi modo di assaporarla e di gustarla come solo a noi locali è concesso.

Questa è la nostra promessa: chiedeteci un consiglio e vi sapremo indicare tutto quello che le vostre guide turistiche non possono dirvi.

 

  • Ospedale delle Bambole di Napoli

    Un mondo magico, dove sapienti artigiani riportano in vita bambole antiche provenienti da tutto il mondo.

  • Farmacia degli Incurabili

    Riaperta al pubblico nel 2012 dopo un lungo restauro, questa storica Farmacia fu inaugurata nel 1700 accanto all’Ospedale degli Incurabili, sorto a causa dell’epidemia di peste che infestava in città nel 1500.

  • Museo del Tesoro di San Gennaro

    Sette secoli di donazioni hanno reso il Museo del Tesoro di San Gennaro una delle raccolte più ricche e particolari al mondo.

  • Teatro Romano di Neapolis

    Immaginate di scavare nella vostra cantina e scovare niente meno che i resti di un antichissimo teatro romano.

  • Cimitero delle Fontanelle

    In assoluto uno dei luoghi di Napoli più affascinanti e inquietanti allo stesso tempo, il Cimitero delle Fontanelle ospita ancora oggi i resti visibili di oltre 40.000 anime morte durante la famosa epidemia di peste che investì la città nel Seicento e quella di colera dell’Ottocento.

  • Purgatorio ad Arco

    Legato al Cimitero delle Fontanelle è il Complesso Museale Di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco, una realtà assolutamente unica al mondo, interamente dedicata alle anime sperdute in Purgatorio in cerca di refrigerio dalle pene dell’aldilà.

Un gioiellino, tutto molto curato, un mix perfetto di design in ambiente d'epoca; pulizia impeccabile, personale disponibile e gentile, colazione ottima e posizione strategica. Assolutamente da consigliare. Ilaferra, Baldissero Torinese – TripAdvisor

Wow, che hotel. Rende le piccole cose perfette e mi piace il suo carattere con il suo adorabile design. È stata una gioia stare qui e sicuramente questo posto ha fatto la sua parte nel rendere la mia vacanza a Napoli indimenticabile. Saeed, London – Booking.com

Quando entri nell'Hotel Piazza Bellini ti rendi subito conto di essere in un ambiente professionale, giovane, ospitale ed anche pieno di stile ed originalità. Le camere sono pulite, nuove, curate e grandi. ElisabettaT, Roma – TripAdvisor

L'ambiente caldo ma raffinato, le stanze confortevoli e ottimamente arredate (la mia aveva una spettacolare vista sulla città)...ottima e abbondante la colazione. tiziana360, Roma – TripAdvisor

La posizione è perfetta, nel centro storico di Napoli, tra le viuzze e i decumani, con i grandi capolavori d'arte (Santa Chiara, Cappella Sansevero, il Duomo con il tesoro di San Gennaro ...) a pochi passi. GIUSVA, Marina di Pietrasanta – TripAdvisor

Un altro punto a favore è stata la colazione, buonissima e varia. Sono stata conquistata dai muffin e dalle tazze fatte di lavagna. Presente anche una lavagna grande quanto una parete su cui lasciare delle dediche o commenti. Sono quei piccoli dettagli che secondo me fanno la differenza. Kristina G., Firenze – Yelp.com